Al cuore della Democrazia

Settimane Sociali

Una giovane con le cuffiette.

“Prospettiva democrazia”, un podcast per riflettere insieme

Quello di maggio è stato un mese particolare, caratterizzato dalla conclusione della campagna elettorale di alcune regioni importanti e dall’avvicinamento alle elezioni europee – al quale si è affiancato, per tantissime persone – quello con le amministrative. È proprio in questo tempo di appuntamenti elettorali, ma anche con la storia, vista la portata delle questioni in gioco, che l’Azione Cattolica Italiana ha voluto far risuonare le parole che la XVIII Assemblea nazionale ha consegnato alla Chiesa e al Paese: “Vogliamo impegnarci a custodire la democrazia nella bellezza di un confronto paziente e a promuovere la partecipazione in ogni sua forma”. “Come Azione Cattolica – afferma Lorenzo Zardi, vice presidente nazionale per il settore giovani – siamo convinti, infatti, della bellezza che può nascere dal contribuire a realizzare un Paese che vive nelle braccia aperte del confronto e dell’approfondimento, della discussione e della ricerca comune del bene. Ci impegniamo a custodire la democrazia perché siamo profondamente convinti che il bene comune non sia altro che la ricerca comune del bene e che l’esperienza della democrazia – che noi sperimentiamo ed esercitiamo in associazione, scoprendone la fatica e la bellezza fin da adolescenti – insegna costantemente che non è vero che nessuno è indispensabile. Semmai è vero il contrario: tutti siamo indispensabili ma nessuno è la soluzione”.
C’è bisogno davvero di tutte e di tutti perché il futuro possa essere libero e democratico. C’è bisogno di tutti e di tutte perché un mondo in cui sia possibile la pace – intesa non solamente come l’assenza dai conflitti ma come la crescita dell’umanità nella fraternità, nella ricerca di un progresso a servizio delle persone e di un’economia che organizzi la felicità di ogni uomo, donna, bambina, ragazzo, lavoratrice, pensionato. E allora l’impegno che l’Azione Cattolica vuole assumersi nel custodire la democrazia e promuovere la partecipazione in questo tempo non è soltanto il ribadire che è fondamentale votare, ma che è sempre più fondamentale farlo con consapevolezza e, soprattutto, “votare tutti i giorni” con il nostro interesse e la nostra partecipazione attiva. È per questo motivo che, nell’anno che è stato definito il più elettorale di tutti a causa della quantità mai presentatasi prima nella storia in cui uomini e donne sono chiamati a esercitare la propria libertà di indirizzo della vita comune attraverso il voto, l’Azione Cattolica ha voluto impegnarsi per aprire strade di confronto.
Dal 22 maggio, infatti, su tutte le piattaforme audio (Spotify, Apple Podcast, Audible, Amazon Music e YouTube) è disponibile Prospettiva democrazia, un podcast per riflettere insieme – come dice l’autrice Fabiana Martini nella sigla iniziale – su “una conquista che diamo per scontata, ma che invece ha bisogno della cura di tutte e di tutti per non appassire”.
Il podcast è uno dei tanti contributi che l’Azione cattolica italiana realizza, nel dialogo intergenerazionale che caratterizza la vita associativa. Arriva dopo aver dedicato un intero anno, attraverso il trimestrale culturale “Dialoghi”, al tema della democrazia – riflettendo sulla cultura politica, sull’utilizzo politico della religione, sul rapporto tra politica e Vangelo e sulla democrazia e i poteri. E continua la riflessione portata avanti dall’Istituto per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet”, che di recente ha pubblicato un progetto che analizza e attualizza le parole della nostra Carta Costituzionale che rappresentano, ancora oggi, vere e proprie parole di giustizia e di speranza.
Così Prospettiva democrazia è un’opportunità ulteriore per potersi soffermare a pensare e a porsi le domande giuste: infatti l’host del podcast, Fabiana Martini, guida ascoltatori e ascoltatrici in un percorso attraverso alcune delle questioni che riguardano il nostro vivere assieme, dando voce alle persone che ogni giorno partecipano alla vita delle loro comunità. E così più che essere un percorso in nove tappe è un podcast tra tante voci (molto più di nove) perché Martini racconta la vita che si nasconde dietro le idee, i temi e le questioni che dovremmo imparare sempre più a guardare per riappropriarci del valore alto del confronto.
Prospettiva democrazia è un podcast che “prova a guardare lontano per trovare l’alba dentro l’imbrunire”. Una ricerca appassionante da fare non solo in vista di ogni appuntamento elettorale ma anche della Settimana sociale di Trieste che sollecita ad andare “Al cuore della democrazia” per riflettere su come riuscire ad abilitare le persone a prendere parola per proporre, a domandare per capire e a partecipare liberamente senza temere di non esserne capaci ma camminando insieme nella certezza che “l’avvenire appartiene, in larga misura, ancora a noi”(A. Moro).